Translate

mercoledì 12 marzo 2014

POESIA DALLA BULGARIA

Tanto per rimanere in argomento Bulgaria e per assaporarne qualcosa, vale la pena riportare qualche poesia che ho trovato di autori bulgari. Comincio da Nikola Vaptzarov, poeta ricco di slanci giovanili, di emozioni pure. 


COMMIATO (PROSHTALNO)
Visiterò talora il tuo sogno
come un ospite intruso, inatteso.
Non mi lasciare sulla strada, fuori,
e non serrare le tue porte.
Silente entrerò. Seduto calmo,
il buio fisserò per percepirti.
E dell’immagine di te ricolmo,
ti bacerò per subito svanire.

Nikola Vaptzarov - Aprile, 1942
[Traduzione dal bulgaro: Antonia Tzenova]

Nikola Vaptzarov è nato a Bansko, un paese della Bulgaria sud-occidentale, il 7 dicembre 1909 ed è caduto sotto il piombo fascista del plotone d'esecuzione il 23 luglio 1942. Aveva solo 33 anni. La sua breve vita è ricca di esperienze: studente di liceo, allievo della Scuola Nautica di Varna, operaio, macchinista di locomotive, fabbricatore di ordigni esplosivi per la lotta contro i nazisti che avevano invaso il suo paese, dirigente politico del Partito operaio bulgaro.  La sua prima e unica raccolta di versi, I canti del motore (Motorni Pesni), vede la luce nel 1940. Ma come poeta era già noto almeno dal 1935 col nome di Nicola Ioncov.   Avendo preso parte all'azione per la pace all'inizio della guerra, è arrestato una prima volta nel 1941. Rilasciato per mancanza di prove a suo carico, riprende l'attività di cospiratore e dì artificiere al fianco del colonnello Zvetan Radoinov, uno dei capi della Resistenza. Il secondo arresto avviene al principio dell'anno seguente. Per 4 mesi è torturato perché denunci i compagni, ma Vaptzarov parla solo per assumere su di sé ogni responsabilità:  "Sono un antifascista, un figlio della mia Patria e odio gli invasori hitleriani: per questo faccio parte della Resistenza".  La sentenza di morte è eseguita al campo di tiro della Scuola Ufficiali nei pressi di Sofia.
Biografia tratta da "21 poeti bulgari fucilati" a cura di M. De Micheli -Milano-Roma Edizioni Avanti! 1960 (Collana omnibus "Il gallo")

4 commenti:

  1. Bell'inizio di giornata
    ciao
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, sì, è una poesia dolcissima e tenera.
      Anche a me ha fatto iniziare bene la giornata e me ne sono andata nell'orto a godermi fiori, germogli, colori e sole.
      Buon proseguimento di giornata. Ciao. Marilena

      Elimina
  2. Cara Marilena, pensiamo solo alle cose che la primavera ha iniziato a regalarci.
    Ciao e buona cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io oltre che pensarci me le sono godute nel mio piccolo paradiso: l'orto. E' una meraviglia: sta nascendo tutto ed io come al solito mi intenerisco a vedere quelle piccole foglioline che sbucano dalla terra. Mi stupisco come la prima volta, due anni fa.
      Buona giornata caro Tomaso. Un abbraccio. Marilena

      Elimina