Translate

venerdì 11 luglio 2014

LE VACANZE DEGLI ITALIANI

Leggevo qualche settimana fa sul quotidiano locale, un articolo sulle imminenti vacanze degli italiani. Il giornalista sottolineava le variate abitudini - soggiorni più brevi, attenzione al centesimo, ristoranti e svaghi al contagocce - di un popolo che sta affrontando il turbolento vento della crisi.
Ma evidenziava pure come lui non se la sentiva di dare torto a chi, chiusi i problemi fuori dalla valigia, si godrà qualche giorno di vacanza lontano dai messaggi negativi di ristrettezze e sacrifici necessari per uscire dall'abisso.
Sosteneva che il suo non era un elogio al "tira a campare", ma una semplice considerazione: i problemi si affrontano meglio con la mente riposata e con il sorriso e quindi via, cari italiani, partite per le vacanze e fate ciò che vi fa piacere "per cominciare con nuova forza il domani".

Beh, posso dire che non sono per nulla d'accordo ?
Foto presa dal web
Mentre leggevo mi sono tornate alla mente le generazioni passate; restando nella mia famiglia ho pensato alle mie nonne che hanno visto il mare per la prima volta oltre il loro cinquantesimo anno di età.
Mi è venuto in mente mio nonno paterno che per venire a Bologna a lavorare pedalava, in tutte le condizioni metereologiche, per 35 Km su una bicicletta dove caricava una delle sue figlie e quando arrivavano le ferie il fare vacanza significava starsene beatamente a casa senza dover pedalare ogni giorno.
E ho pensato alla generazione successiva, quella dei miei genitori, dei miei zii, per i quali le ferie erano organizzare il picnic per il giorno di ferragosto: mai fatta una settimana di mare !!
Ma poi ho pensato pure a me, quando per ragioni di salute di mia madre ho rinunciato ai viaggi e me ne sono stata nella cocente Bologna, ben felice di poterle stare accanto e farle compagnia.

Perdinci, siamo tutti sopravvissuti senza per forza andare al mare o ai monti e la forza per affrontare il domani ce la siamo trovata qui in città (che per inciso negli ultimi anni offre tanti programmi di svago), nelle colline bolognesi, nei fiumi del circondario, nella campagna dei dintorni, nelle piscine.

Ho letto i dati previsti per questi vacanzieri che pur avendo problemi finanziari non rinunciano alle vacanze, a costo di richiedere un mutuo (una notizia Ansa riportava che sono sempre di più gli italiani che lo richiedono. La cifra media è di 4.100€ da restituire in 3 anni e mezzo. A conti fatti: 118€ al mese che fanno 4.956€. Mica giuggiole !!).
Ho ripensato all'ultima azienda per la quale ho lavorato, dove vedevo arrivare le documentazioni per le trattenute in busta da parte delle Banche per questi mutui e ho pensato a quando poi l'azienda è fallita e quella gente si ritrovava ancora il debito di una vacanza da pagare con l'esigua cifra che erogava la CIG.

No, non sono per niente d'accordo. La forza per affrontare il domani non la si trova in una settimana di mare pagata a caro prezzo, sacrificando gli ultimi risparmi o ipotecando le buste-paghe future.
Sarò pur anche vittima della Favola della cicala e della formica di Esopo, ma trovo che sia scellerato incitare gli italiani a partire "per avere la mente riposata e il sorriso", sarebbe meglio educarli a comprendere che sono ingredienti che si trovano anche a casa propria.
In uno dei miei primi post pubblicai un epitaffio tratto dall'Antologia di Spoon River (Lucinda Matlock) che conclude con un grande insegnamento "CI VUOLE VITA PER AMARE LA VITA". Non servono le vacanze pagate a caro prezzo, non servono giornalisti che lavano le coscienze, loro non ci saranno a consolare chi al ritorno dovrà fare i conti che non torneranno, altroché sorriso !! 
Un vecchio modo di dire recita che il passo si fa secondo la gamba e se la gamba è corta, meglio camminare in città. L'abbiamo fatto in molti e siamo ancora qui a raccontarlo. Si sopravvive e si sorride.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. Mi fa più che piacere visto che sembro sempre un po' bacchettona e rigida nelle mie posizioni. Ma come ho scritto, io ci credo veramente che il passo va fatto secondo la gamba.
      Buon week-end. Ciao :). Marilena

      Elimina
  2. Starsene a casa. Gran bella vacanza... home sweet home.. adoro la mia casa, le mie cose.. certo non sono le Maldive.. ma sto scalzo lo stesso... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io amo girovagare e curiosa come sono, amo bighellonare per il mondo. Ma casa mia è impagabile. Sono abbastanza convinta che chi si lancia alla spasmodica vacanza a tutti i costi abbia comunque un disagio tra le pareti di casa. Anche io adoro le mie cose e trovo sempre qualcosa da fare. E sono felice di sapere che c'è un altro che come me si aggira scalzo ... ma quanto è bello liberarsi delle scarpe o pantofole ??
      Ciao !!

      Elimina
  3. Niente da aggiungere...scalzi for ever! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe aggiungere un "everywhere".... lo sai che aspetto il giorno in cui le scarpe verranno definitivamente bandite !!!
      Ciao, buona giornata :). Marilena

      Elimina
  4. Anche io ho spesso pensato che non troppo indietro nel tempo si sapeva stare al mondo anche senza il pallino delle vacanze... Come si può essere sereni se si va in vacanza senza poterselo permettere? Certo, se piace viaggiare fare una vacanza in un luogo nuovo o in un luogo amato è un gran piacere e fa un gran bene. Ma per alcuni le vacanze lontano da casa sembrano più un obbligo che un piacere! Se sapessero che basta essere curiosi degli angoli "dietro casa" per scoprire tanti mondi differenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel "dietro casa" l'ho fatto mio da qualche anno. Sto assaporando il piacere di scoprire piccole isole felici "dietro casa". Compreso la mia città che ho sempre vissuto distrattamente e che sto scoprendo un po' alla volta (e ho ancora tanto da scoprire). Pensare che c'è gente che viaggia accendendo dei mutui, mi fa accapponare la pelle .... e proprio a loro bisognerebbe insegnare a scoprire gli angoli dietro casa e non incitarli, come ha fatto il giornalista, a fare una vacanza a tutti i costi, illusoria panacea. Ciao :). Marilena

      Elimina