Translate

domenica 22 marzo 2015

CIAO MAMMA

Quando Mamma mi fece vedere per la prima volta la foto del collage mi arrabbiai. "Perché devi sempre parlare di queste cose?". Non sopportavo l'idea che una donna come mia Madre pensasse al giorno in cui non ci sarebbe più stata. Ma d'altra parte... era MIA MAMMA! Poi però ho capito. Ho capito lo spirito con cui aveva pensato a quel post, che in fondo è lo stesso con cui ha intrapreso questa avventura del blog: parlare di tutto ciò che le passasse nella testa e farlo con la stessa verve che la animava... e di pensieri, passioni, ricordi, desideri ne aveva a centinaia. "Chissà se ce la farà, chissà quanto durerà questa mania", pensavo. Ed invece questa "mania" è durata, è maturata nel tempo, nel corso dei mesi e così come attentamente e sapientemente coltivava i semi del suo orto anche sul blog i primi germogli iniziavano a vedersi. E contemporaneamente scoprivo ogni giorno una sfaccettatura di quella splendida persona che era mia Madre. Mi raccontava spesso aneddoti sul suo passato, le sue avventure, le sue passioni, i suoi amici, su gioie e dolori di una vita trascorsa dedicando ogni singolo giorno a far di tutto per regalarmi una vita migliore. E il blog divenne così anche per me un modo per ricordarmi (come se fosse necessario!) i motivi per cui mia Mamma era la numero 1 al mondo per me.

Poi succede che un giorno di giugno che difficilmente dimenticherò arriva una notizia che ti comunica che la tua vita non sarà più la stessa. Devi cambiare abitudini. Adattarti. Ma non lei. Ha sempre avuto uno spirito libero, una forza di volontà superiore alla norma che le ha permesso di passare sopra (seppur subendo ferite dolorosissime cicatrizzate a fatica) a moltissime situazioni difficoltose nella sua vita. E con lo stesso spirito battagliero ha deciso di combattere questa sfida che le si è posta davanti, pur sapendo che forse questa volta la sfida era troppo grande. Anche per la super donna che è sempre stata. Ma non si è M-A-I persa d'animo, tra lo stupore di amici, ex colleghi, parenti... e il mio.
Ho vissuto accanto a lei gli ultimi 8 mesi infernali, provando a fronteggiare la malattia che ha costretto Mamma a spegnersi lentamente, ogni giorno di più. Ogni giorno abbiamo riso, scherzato, pianto, gioito e ci siamo arrabbiati, come se la vita non ci avesse riservato un trattamento così crudele. Nel giorno del suo compleanno, il 28 gennaio, abbiamo spento le candeline, fatto le foto, sorriso. Forse il suo "canto del cigno". Perché pochi giorni dopo le forze sono definitivamente venute a mancare.

E la Mamma, il 1 febbraio, si è spenta.

E' passato ormai più di un mese da quel giorno ed ogni giorno ho provato a pensare a cosa scrivere per dare una conclusione a questo blog, che con lei si interrompe. E come lei non cesserà mai di esistere, nel mio cuore, nella mente di tante persone che hanno incrociato il proprio destino con quello di Mamma tra le quali anche voi, qui in rete. Ho deciso di farne un libro da conservare come ulteriore memoria della persona più importante della mia vita. E quel collage, alla fine, sono riuscito a completarlo: ho messo una foto dell'ultimo viaggio fatto insieme, quello che custodirò più gelosamente tra le mie memorie perché è l'ultimo, spensierato, vero.
Chiudo l'ultimo post di questo blog con un piccolo estratto di uno dei video che aveva girato di noi, che racchiude nella sua semplicità tutto ciò che ci legava. E così come nel video te lo dico anche sul tuo amato blog:

CIAO MAMMA, TI AMO INFINITAMENTE.

video















42 commenti:

  1. Sono rimasto profondamente addolorato e rattristato: ho perso un'amica che non "conoscevo" ma che incontravo tutti i giorni qui. Un abbraccio a te

    RispondiElimina
  2. Ho conosciuto la tua mamma poco prima della notizia devastante del suo male. La ricorderemo sorridente, accogliente, gioiosa. Forte soprattutto. Aveva preso di petto quella notizia e stava combattendo da par suo. Le poche volte sentita successivamente per telefono, aveva addirittura infuso coraggio lei a me, fiduciosa e coriacea mentre stupiva medici e sviluppi sempre meno rosei. Ciao Marilena. Il tuo sorriso non lo cancellerà nessuno mai.

    RispondiElimina
  3. Un abbraccio a te e uno sguardo verso l'alto per la tua mamma.

    RispondiElimina
  4. Cara Marilena, bentornata è un piacere rivederti nel tuo blog.
    Ora pero ti faccio le mie più sentite condoglianze per la perdita della tua cara mamma.
    Ora immagino che ti sarà difficile affrontare questa mancanza, pensa però lei ti sta guardando e ti dice Coraggio figlia mia.
    Tu ora sei importante più di prima ci sono persone e famigliari che anno bisogno di te, cerca di non deludere la tua cara mamma.
    Ciao con un forte abbraccio augurandoti un buon inizio della settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Un abbraccio forte a te. Ciao Marilena.

    RispondiElimina
  6. Sono molto addolorata.
    Ti abbraccio con affetto e ti ringrazio di aver voluto dirci il tuo grande amore per la tua splendida mamma
    .
    Ciao Franca

    RispondiElimina
  7. Sorella Morte passa per ognuno di noi. Dobbiamo compiere uno sforzo incredibile per accettarla.
    Prega per lei.

    RispondiElimina
  8. Ho riletto alcune volte questa pagina.
    L'apparire della morte nel mondo asettico, forse il più lontano da essa, del virtuale getta scompiglio, apre varchi.
    L'ho riletta altre volte anche oggi.

    Scusate una domanda, ma io non ho capito.
    E' morta Marilena, l'autrice di questo diario e questa pagina l'ha scritta sua figlia (sapete che Google e altri hanno stabilito dei protocolli di passaggio anche nel virtuale in caso di morte degli autori) o è morta la madre di Marilena?

    Mi dispiace fare questa domanda, il piano tecnico stride molto con il dolore di una scomparsa, con un lutto così grande.
    Ma vorrei capire per trovare parole appropriate, che non siano sbagliate.

    RispondiElimina
  9. Sono arrivata qui tutta felice di rivedere un post e di leggere novità della vita di Marilena...all'inizio ho equivocato come Il carissimo amico Tomaso, ho letto e riletto il post con una sensazione sempre maggiore di sconforto...poi ho capito. Che tristezza.
    Mi dispiace di non aver saputo leggere tra le righe, di non aver capito niente. Ma Marilena e il suo blog erano così lontani dal buio e dalla morte che non potevi pensarci. Quando entravi qui era tutto uno sluccichio di sole caldo della nostra pianura, si sentiva odore di piante aromatiche e profumo di pomodori del suo orto che crescevano meglio con la terra che lei si era portata da uno dei suoi viaggi, vicino ad un vulcano se non ricordo male!
    Quanto mi dispiace, Marilena...dovevamo incontrarci, ricordi, io magari di passaggio in terra ferrarese finalmente a conoscere una amica virtuale...
    Marilena continua a venirmi a trovare, però, magari in uno dei miei sogni strampalati che ti divertivano tanto e commentavi sorridendo. Ti aspetto. Ciao tua Mìgola.

    RispondiElimina
  10. Mi spiace aver creato un equivoco, forse bastava inserire la mia firma a fine post. Ma purtroppo a scrivere sono stato io, Andrea, figlio di Marilena. Come ricordato anche nel post ci ho messo un mese per trovare qualcosa da scrivere per "salutarvi" ricordando la Mamma, non ho pensato alla cosa forse più banale, firmare! Grazie a tutti quanti, veramente.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Non conoscevo Marilena se non per frequentazione virtuale. Ero stato affascinato dall'aver scoperto le sue pagine.
    Le ho scritto un addio , non so come sia riuscito, è così arduo in queste occasioni. Le parole sono sempre logore, misere per descrivere lo sgomento al palesarsi del mistero della vita e della morte e al buco che si crea, il vuoto nell'anima.
    Andrea, tu e voi avete avuto la fortuna di averla tra gli affetti, inconsapevole maestra di vita.
    Anche in queste pagine continua a essere con noi.

    RispondiElimina
  13. Volevo lasciare, come accompagnamento al trapasso di Marilena, questo Kyrie della Misa Criolla.
    Esso accarezza l'anima e rende, con l'arte della musica, il vuoto e lo sgomento, il mistero dell'umana finitezza.
    La musica unisce, avvicina anime ed affetti, anche se ciò non è più fisicamente possibile.

    RispondiElimina
  14. Che brutta notizia!
    Mi sembra di ricordare che in uno dei suoi ultimi post tua mamma parlasse di te con orgoglio e amore.
    Mi fa piacere sapere che gli sei stato vicino in questi ultimi mesi.
    Mi dispiace tanto e ti abbraccio anche se non ci conosciamo.

    RispondiElimina
  15. Ci sono persone che ti restano nel cuore, di solito le conosci in situazioni difficili.
    Anche se siamo state poco tempo insieme, da te ho imparato che bisogna apprezzare le piccole cose, i gesti sinceri e lottare.
    Il ricordo più divertente e profondo è quando per la prima volta hai sorseggiato un te, dopo 2 mesi che non lo facevi; sembravi la persona più felice del mondo.
    Voglio dirti che ti ho sempre pensato e sempre lo farò, voglio mandarti un abbraccio come quello che ci siamo date in ospedale il giorno che mi hanno dimesso.
    IL TUO SORRISO E' IMPRESSO NEL MIO CUORE.
    Ciao M.
    Sofia

    RispondiElimina
  16. Tu sei andata via pur non volendo andare via.
    Non ti sarai dimenticata del tuo figlioccio?
    Me lo avevi proMESSO.

    https://www.youtube.com/watch?v=NxyRtQ8L4u0

    RispondiElimina
  17. Ciao Marilena. Ti faccio le condoglianze per la grande perdita e mi scuso per non averlo fatto prima, ma ne sono venuto a conoscenza solo ora.

    RispondiElimina
  18. Vengo qui dopo tanto tempo...ho avuto un po' di problemi, ho letto poco i blog, scritto poco sul mio...Ma stasera ho passato i titoli di tutti i blog che sono linkati nel mio e questo titolo mi ha colpita, ma mai avrei pensato che fosse mancata l'autrice di questo blog. Non è la prima, purtroppo...Nel mondo del blog, come nella vita reale, vengono a mancare le persone, troppe, da quando ho iniziato questa avventura e sento dolore, proprio come succederebbe per una persona che conosco realmente. Immagino la pena per te, figlio, che vedo nel piccolo filmato. Somigli un po' al mio e comprendo il tuo grande dolore, sentendomi vicina. Ti abbraccio. Coraggio!

    RispondiElimina
  19. Mi dispiace così tanto...leggo solo ora, seguendo una chiave di ricerca trovata sul contatore visite e che portava al post che tua mamma aveva scritto con tanta generosità nei miei confronti.Quello che tu scrivi di lei mi ha fatto ricordare mia mamma, anche lei ci ha lasciato dopo 8 mesi di sofferenze affrontate con lo stesso coraggio della tua.Sono passati ormai 20 anni, lei aveva l'età che ho io adesso...immagino il tuo dolore...non ti conosco, ma ti lascio il mio abbraccio.Susanna

    RispondiElimina
  20. Mi dispiace così tanto...leggo solo ora, seguendo una chiave di ricerca trovata sul contatore visite e che portava al post che tua mamma aveva scritto con tanta generosità nei miei confronti.Quello che tu scrivi di lei mi ha fatto ricordare mia mamma, anche lei ci ha lasciato dopo 8 mesi di sofferenze affrontate con lo stesso coraggio della tua.Sono passati ormai 20 anni, lei aveva l'età che ho io adesso...immagino il tuo dolore...non ti conosco, ma ti lascio il mio abbraccio.Susanna

    RispondiElimina
  21. E' destino, è come se la tua mamma ci avesse chiamati uno per volta per venire a salutarla ancora....Anch'io,negli ultimi tempi soprattutto per motivi familiari non ho più scritto molto sul mio blog e ho guardato poco i miei blog preferiti. E stanotte, non so perchè, mi è venuta voglia di tornare sul mio blog e di guardare quelli dei miei amici e tra questi c'era quello della tua mamma. Ho letto nell'anteprima che parlavi di lei al passato e sono venuta subito qui...mi dispiace davvero tantissimo, era una persona brillante, mi piaceva il suo modo ironico ma molto intrigante di raccontare le cose. Non mi sembra vero...Non chiudere il suo Blog, per favore, così ogni tanto potrò tornare qui e rileggere i suoi racconti e ogni volta che tornerò sarà un modo per salutarla e per dedicarle un pensiero e una preghiera. Pensala vicino a te, sempre, perchè è così... Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  22. Mi manchi così tanto...forse se ti lascio gli auguri sarà un po' come se tu fossi ancora qui...

    RispondiElimina
  23. Ringrazio tutti per le parole di conforto, fa piacere vedere che la mamma ha lasciato il segno... il suo blog non verrà chiuso, anche perchè tornare a rileggermelo ogni tanto mi fa avere l'illusione di poterle parlare ancora un pò, scoprire qualcosa di lei che era rimasto nascosto. A quasi un anno dalla sua scomparsa fa ancora un male tremendo... un saluto a tutti e grazie! Vi abbraccio forte.
    Andrea

    RispondiElimina
  24. FA male anche dopo due anni, fa male sempre, credo. Mio padre è morto anche lui a febbraio, nel 2014.
    Era molto più anziano di tua madre, presumo, ma l'età c'entra poco con la morte di un genitore.
    Una persona può sentirsi orfano anche a 50 anni. Hai fatto bene a tenere aperto il blog, è un bel ricordo.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Amica mia, ricordo con una grande emozione il tuo ultimo compleanno 28 Gennaio 2015 è stata una giornata che non dimenticherò .. che non dimenticheremo mai, sei e rimarrai sempre nei nostri cuori ti vogliamo bene....
    Michele Lalo Alle

    RispondiElimina
  28. 1 Febbraio 2016 Oggi dopo un anno, cerco di esprimere ancora il mio dolore, so che ci sono dolori che non si possono evitare ma si debbono affrontare,ma necessita del tempo per colmare il vuoto che ci hai lasciato,dopo 37 anni dove ci sono stati dei momenti di assenza, ma che quando ci siamo rivisti sembrava di esserci lasciati da pochi giorni, perchè ci siamo piaciuti da subito, io più sognatrice, invece tu.... l'amica un Amica con la A maiuscola,razionale... sempre realista,che ha saputo affrontare dolori con una forza incredibile,che in qualsiasi momento di difficoltà trovava una soluzione, pronta ad essere di aiuto agli altri.
    sono convinta che ovunque tu sia insieme alla tua Mamma ci stai guardando e che oltre a seguire l'AMORE della tua vita "Andrea" (che è anche un pò il nostro amore...il nostro nipote.. )un occhio lo butti anche su di noi,lo sentiamo perchè ci sono dei momenti che ci guardiamo e ci diciamo Piero avrebbe detto così... oppure Piero avrebbe fatto così...
    sarai sempre nel nostro cuore
    ciao AMICA TI VOGLIAMO BENE....

    RispondiElimina
  29. Io ogni tanto passo qui e ti mando un bacio...

    RispondiElimina
  30. Caro Andrea, mi scuso sul commento che ho fatto molto tempo fa, cioè a marzo dell'anno scorso, non so se leggerai questo mio commento, sono un vecchio amico della tua cara mamma scomparsa, e immagino il vuoto che ha lasciato, non ho parole per farti le mie più sentite condoglianze, ti auguro solo di avere la forza di credere che lei da lassù vuole che tu riprenda ha sorridere alla vita, solo così lei potrà riposare in pace. Ciao e buona serata cara amico, si ti chiamo amico perché ti sento molto vicino.
    Tomaso del blog. https://tomaso-passatoepresente.blogspot.ch/

    RispondiElimina
  31. ciao Amica mia,in questa serata ti sento vicina, sto ripensando a dei momenti trascorsi insieme.... avrei bisogno di parlarti, avrei voglia di vederti... di sentirmi dire ... ma sarai scema... ma lo so che erano dette con affetto ti voglio bene
    sai stiamo facendo dei gran viaggi.. ma qualcuno ci sarebbe piaciuto farli con te perchè ricordo... il ns. viaggio in spagna dove tutto era organizzato alla perfezione (ovviamente perchè lo avevi organizzato tu)
    ti voglio bene... Michele

    RispondiElimina
  32. Dopo tanto tempo, sono ripassata da queste parti.
    E' stato triste sapere che Marilena non c'è più, scoprendolo per caso e trovando un suo commento sul mio blog. Noi blogger siamo una "famiglia" un po' strana. A volte alcuni scompaiono per un po' di tempo, poi, come sono andati, ritornano. Purtroppo in questo caso non sarà così, e me ne dispiace immensamente. Un caro abbraccio, nel suo ricordo. Loredana

    RispondiElimina
  33. ... Mancano le parole ma i pensieri rivolti a te sono ancora tanti...
    Paola

    RispondiElimina
  34. Torno, passato oltre un anno e mezzo e trovo ancora queste pagine. Mi fa piacere, sono un ricordo di Marilena.
    Un pensiero va a lei e alla sua bella testimonianza di vita semplice, sana, radicata nella sua terra madre.

    RispondiElimina
  35. TANTI AUGURI DI BUON COMPLEANNO.......PIERO😘

    RispondiElimina
  36. Ci sono persone che ti accompagnano per tutta la vita con la loro presenza.. tu sei stata … sei questa persona… sono trascorsi due anni e anche oggi come ieri e come sarà domani... sei una presenza costante nelle parole, nei gesti… nei nostri ricordi
    ci manchi ....

    RispondiElimina
  37. ciao Marilena mi manchi tanto, ogni tanto guardo il tuo blog e mi sembra inpossibile che tu non ci sia piu'.un abbraccio ovunque tu sia ,non ti dimentichero mai

    RispondiElimina