Translate

martedì 14 ottobre 2014

ANZIANI

Se dovessi descrivere le mie capacità di osservazione credo che mi dovrei definire "affetta da disturbo bipolare". 
Ci sono giorni che giro incurante del mondo che mi circonda, non vedo nulla e nessuno e se incrocio qualcuno che conosco mi deve battere una mano sulla spalla perché io lo riconosca e ci sono giorni che osservo con minuzia paranoica tutto ciò che mi circonda cogliendo dettagli e particolari, anche andando oltre con l'immaginazione che mi spinge a chiedermi il perché di un viso corrucciato piuttosto che di un sorriso.
Quando mi trovo in questo secondo "stato di grazia" mi piace osservare gli anziani, studiare le loro rughe del viso e delle mani, cercare di immaginare come erano da giovani. Li guardo nei loro lenti movimenti e in quella che non saprei come meglio definire se non "pacifica indifferenza". 
Quando siamo giovani vorremmo che tutti ci ammirassero, che si accorgessero di noi; è dal consenso altrui che rinsaldiamo la fiducia in noi stessi. Cerchiamo l'approvazione altrui per fare carriera, per allargare la cerchia degli amici, per trovare un nuovo amore. Per gli anziani è diverso: oramai sono quel che sono, nel bene o nel male. Il giudizio altrui è marginale e qualunque esso sia non li danneggia perché loro la partita della vita se la sono già giocata e non devono più affannarsi a dimostrare quanto valgono.
Ecco perché cerco nei loro occhi, nelle loro espressioni, nelle loro rughe la storia di quella vita che si sono lasciati alle spalle.


Sul tavolino da notte di una vecchia signora rico­verata in un ospizio per anziani, il giorno dopo la sua morte, fu ritrovata questa lettera. Era indirizzata al­la giovane infermiera del reparto.
«Cosa vedi, tu che mi curi? Chi vedi, quando mi guardi?
Cosa pensi, quando mi lasci? E cosa dici quando parli di me?
Il più delle volte vedi una vecchia scorbutica, un po’ pazza, lo sguardo smarrito, che non è più completamente lucida, che sbava quando mangia e non risponde mai quando dovrebbe.
E non smette di perdere le scarpe e calze, che docile o no, ti lascia fare come vuoi, il bagno e i pasti per occupare la lunga giornata grigia.
È questo che vedi!  Allora apri gli occhi.  Non sono io.  Ti dirò chi sono.
Sono l’ultima di dieci figli con un padre e una madre.  Fratelli e sorelle che si amavano. Una giovane di 16 anni, con le ali ai piedi, sognante che presto avrebbe incontrato un fidanzato. Sposata già a vent’anni.
Il mio cuore salta di gioia al ricordo dei propositi fatti in quel giorno.
Ho 25 anni ora e un figlio mio, che ha bisogno di me per costruirsi una casa.
Una donna di 30 anni, mio figlio cresce in fretta, siamo legati l’uno all’altra da vincoli che dureranno. Quarant’anni, presto lui se ne andrà.  Ma il mio uomo veglia al mio fianco.
                                                                                                                      Cinquant’anni, intorno a me giocano daccapo dei bimbi. Rieccomi con dei bambini,                                                                                                                          io e il mio diletto.
                                                                                                                      Poi ecco i giorni bui, mio marito muore. Guardo al futuro fremendo di paura, giacché                                                                                                                       i miei figli sono completamente occupati ad allevare i loro. E penso agli anni e                                                                                                                                 all’amore che ho conosciuto.
                                                                                                                      Ora sono vecchia.
                                                                                                                      La natura è crudele, si diverte a far passare la vecchiaia per pazzia. Il mio corpo mi                                                                                                                         lascia, il fascino e la forza mi abbandonano.  E con l’età avanzata laddove un tempo                                                                                                                         ebbi un cuore vi è ora una pietra.  Ma in questa vecchia carcassa rimane la ragazza il                                                                                                                       cui vecchio cuore si gonfia senza posa.  Mi ricordo le gioie, mi ricordo i dolori, e                                                                                                                              sento daccapo la mia vita e amo.
                                                                                                                     Ripenso agli anni troppo brevi e troppo presto passati. E accetto l’implacabile realtà                                                                                                                         “che niente può durare”.
                                                                                                                     Allora apri gli occhi, tu che mi curi, e guarda non la vecchia scorbutica…
                                                                                                                                          Guarda meglio e mi vedrai». 

10 commenti:

  1. Cara Marilena, questo è un post che tutti i giovani dovrebbero leggere attentamente...
    Il fatto che ci siano gli anziani, è proprio a loro che se ci siamo tutti noi.
    è una ruota la vita, tutti una volta eravamo bambini, poi maturi, e alla fine pure anziani, questo non bisogna mai dimenticare.
    Ciao e buona giornata cara amica, con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ieri mattina, in treno, ho visto una cosa che mi ha molto colpito, positivamente.
    Ad una fermata sale un maghrebino anziano: un altro maghrebino di mezza età che era già in treno, lo accoglie e gli prepara quasi il sedile della poltrona, lo saluta con massimo rispetto, direi con devozione. Io osservavo da lontano con due occhi grandi così.
    Mi ricordavo quando ero piccino, in montagna, dalla nonna in Trentino, cosa si faceva per gli anziani, per i veci.

    Ho visto segni di rispetto sincero per la vecchiaia che sono smarriti, persi, qui da tempo. Un po' perché quasi tutti facciamo di tutto per mascherare, per non volere il passare del tempo e ciò comporta anche bandire segni, gesti e ritualità relativi alla vecchiaia, un po' perché abbiamo buttato via quell'età, il suo significato, il suo valore.

    Bella pagina questa.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto anche io in un film dove c'era un Marlon Brando col cotone nelle guance.
      Impersonava uno che faceva ai conoscenti delle offerte che non potevano rifiutare.

      Elimina
  3. Bellissimo pensiero.
    La civiltà di un paese si riconosce dal rispetto per gli anziani e i bambini.
    La signora della lettera aveva l'aggravante di essere malata.E mi viene in mente l'infermiera scoperta qualche giorno fa perché pare abbia ucciso una paziente particolarmente insopportabile.
    Sicuramente la vecchiaia se accompagnata dalla malattia non è un periodo facile della vita ma bisognerebbe sempre sforzarsi di guardare oltre e riconoscere l'altro per quello che è:una persona con le sue tristezze,i suoi ricordi e le sue fragilità.
    Ma in questo mondo tatuo non c'è tempo ne' spazio per i deboli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La civiltà di un paese si riconosce dal fatto che ognuno fa quello che deve fare.

      Elimina
  4. Tempo fatuo,il cellulare mi tradisce nella battitura...

    RispondiElimina
  5. Cavolo, però non si fa. Mi hai fatto pensare ai miei nonni. E a quanto li ho amati. Agli anziani incontrati per caso e pur di corsa.
    Che quando leggono nei tuoi occhi curiosità verso di loro, ti sorridono.
    E provano a raccontarti. Di come sono, di quello che sono stati.
    Molto bella la poesia.
    Verissima.
    Abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  6. A volte vedo coppie anziane che camminano tenendosi per mano (come facciamo mio marito ed io, pur dopo tanti anni di matrimonio). Mi fanno tenerezza, e pure io cerco di immaginare la vita che hanno trascorso insieme. Recentemente ho perso l'ultimo caro amico di famiglia, molto vicino ai miei genitori... Ormai vecchio (circa 90 anni), però andavamo spesso a prenderlo per portarlo in montagna o a pranzo con noi... Un tesoro di racconti, di esperienze, di vita, soprattutto di ricordi...e quelli purtroppo spesso si dimenticano.
    Un abbraccio, cara Marilena, e buona serata
    Loredana

    RispondiElimina
  7. Mi sono emozionata molto con questo post pieno di verità e poesia.
    Un abbraccio e grazie per questa meraviglia Marilena.
    Ciao:-)

    RispondiElimina